Pneumatici fuori norma, un problema per la sicurezza

Attenzione agli pneumatici fuori norma. Gli italiani circolano con gomme sempre più lisce: nel corso dei controlli effettuati negli ultimi anni dalla Polizia Stradale sono più che raddoppiate le gomme lisce in circolazione. La situazione è ancora più grave se ci si riferisce ai mezzi per il trasporto leggero. A loro volta hanno una percentuale media di gomme lisce molto più elevata rispetto alle vetture. Se nei controlli degli anni precedenti la percentuale di gomme lisce si attestava sul 2,5/3%, oggi questa percentuale è salita a quasi il 7% per le autovetture e all’8,5% per il trasporto leggero. Oltre al liscio, il 6% delle vetture controllate aveva pneumatici non omogenei, con un picco del 15% per i mezzi di trasporto leggero. Per equipaggiamento non omogeneo si intende pneumatici diversi sullo stesse asse per marca, e/o modello oppure per diverso tipo (estivo e invernale) sugli assi.

Se gli pneumatici sono fuori norma

Decisamente preoccupante appare il dato complessivo delle non conformità specifiche sui pneumatici che si riscontrano mediamente nel 16% delle vetture controllate. E addirittura in quasi il 28% dei furgoni/van. Queste percentuali salgono rispettivamente al 20,3% e al 32,4% se si considerano anche i mezzi non revisionati. Sono quindi 1 su 5 le vetture ed 1 su 3 i mezzi di trasporto non in regola. Le Regioni coinvolte sono Piemonte e Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Toscana e Sicilia Occidentale. Le Province indagate sono 42 su 110 (38% del totale). Oltre a essere sanzionabile in caso di controllo da parte delle autorità, questa pratica è anche anti-economica e può pregiudicare la sicurezza del conducente e dei passeggeri che viaggiano con lui. Purtroppo sempre più spesso gli automobilisti «dimenticano» di recarsi dal gommista per fargli compiere l’importantissima operazione.